File Manager Android: Es File Explorer

Le caratteristiche tecniche degli smartphone migliorano di modello in modello, a tal punto che la maggior parte dei device può essere utilizzata proprio come se fosse un vero e proprio personal computer. Se impieghi spesso il tuo smartphone al posto del pc ed esegui con esso numerose operazioni quotidiane, avrai sicuramente notato la necessità di poter gestire rapidamente e semplicemente tutti i tuoi file, siano essi applicazioni, documenti o file multimediali.

Fortunatamente esistono degli applicativi sviluppati appositamente per garantirti la possibilità di gestire in completa autonomia e senza alcuna difficoltà i file memorizzati sul tuo device. Si tratta dei cosiddetti file manager e in questo articolo ho pensato di mostrarti come utilizzare Es File Explorer che ad oggi è uno dei migliori per Android. Questo programma si attesta anche fra le applicazioni dedicate ad Android più apprezzate in assoluto dagli utenti. Il motivo del successo di questo applicativo è semplice e risiede nella sua completezza.

Es File Explorer è un file manager android che mette a tua disposizione un gran numero di funzionalità, sia di base che avanzate, dispone delle funzioni di root, è estremamente personalizzabile, vanta una grafica elegante ed un’interfaccia user friendly, supporta il networking, non presenta banner pubblicitari e soprattutto può essere scaricato a costo zero direttamente qui.

La prima cosa che devi fare dopo aver scaricato il programma è capire come abilitare i permessi di root:

  1. Apri l’applicazione Es File Explorer facendo tap sulla specifica icona
  2. Fai tap sul pulsante del menù, collocato in alto a sinistra
  3. Fai tap su Strumenti e poi su Root Explorer
  4. Scegli la voce Lettura / Scrittura
  5. Dalla finestra che si apre, metti il segno di spunta su RW per tutte le voci mostrate
  6. Fai tap su OK per confermare le modifiche apportare e per abilitare i permessi di root

file explorer

Questo file manager android viene spesso utilizzato per far si che un’applicazione collocata in system/app venga considerata e diventi un’applicazione di sistema. Di seguito ho inserito una guida con cui puoi scoprire i semplici passaggi da seguire per concludere l’operazione in pochi minuti:

  1. Scegli l’applicativo da rendere app di sistema e tieni premuto per alcuni secondi sulla specifica icona. In questo modo l’applicazione viene selezionata e in basso compare la barra degli strumenti
  2. Dalla barra degli strumenti scegli la voce Copia. Spesso gli utenti si chiedono perché copiare l’app invece di spostarla direttamente. La risposta è semplice: spostando l’applicativo esso non sarebbe più collocato nella scheda SD, comportando un notevole svantaggio
  3. Dopo aver copiato l’applicazione desiderata, vai in System/App ed incolla l’applicativo. Per eseguire questa operazione fai tap su SD Card e poi, nella finestra che compare, su Dispositivo
  4. Per raggiungere la destinazione System/app fai tap prima su System e poi sulla voce App
  5. A questo punto devi semplicemente incollare l’applicazione, aprendo il menù a tendina collocato alla tua sinistra e facendo tap sulla voce Incolla
  6. Tieni premuto per alcuni secondi sull’applicazione appena incollata, fai tap sui tre puntini e poi su Proprietà
  7. Fai tap sul pulsante Change, per modificare i permessi dell’applicativo, e modifica le impostazioni presenti con “rw- r– r–”


In evidenza
imessage

Le 5 differenze tra WhatsApp e Facebook Messenger

Almeno 2 non le sai, scommettiamo? Clicca sul titolo per leggerle qui su FedeMarkez

Chiudi